Ryu e Street Fighter Pane Amore e Vendetta

Scaldate le vostre mani ed i joystick perché è esattamente questo il compito del preludio: prepararsi alla carica, all’opera vera e propria, alla grande tempesta. È appena uscito il nuovo capitolo del più grande picchiaduro di tutti i tempi, il più conosciuto, contestato e amato, in grado di influenzare diverse generazioni di ragazzini, che ancora oggi pensano al Brasile non per il suo carnevale, ma per quel mostro verde in grado di emettere energia elettrica dal suo corpo. Oggi amici miei, parliamo del re dei videogiochi: Street Fighter, giunto da qualche giorno al suo quinto capitolo. Attraverso un breve riassunto della storia di Ryu incontreremo insieme tutto quello che c’è da sapere su questa saga, e vi chiedo sin da subito perdono se mi trovo costretto a sorvolare su certi punti: parlare di Street Fighter e della sua storia è praticamente una follia.

Street Fighter I – Ryu muove i suoi primi passi

Sagat, il più forte lottatore di Muay Thai del mondo, organizza il primo torneo Street Fighter e Ryu, giovane allievo del maestro Gouken, decide di iscriversi per testare le sue capacità. Ryu si distingue immediatamente fino ad arrivare nella finalissima contro Sagat, ma quest’ultimo è forte, molto forte, e sta quasi per batterlo. La vittoria è in tasca, ma a Ryu accade qualcosa di strano, di animalesco quasi, e in lui si scatena una potenza incredibile che gli consente di sconfiggere Sagat, lasciandogli una cicatrice sul petto. Ryu non sa cosa gli sia capitato: era completamente fuori di se, rischiando addirittura di uccidere il potente Sagat. Vittorioso, ma perplesso per l’accaduto, torna dal maestro ma apprende dal suo compagno Ken che in realtà è morto per mano di Akuma, suo fratello e rivale. Ryu giura da questo momento di vendicare il suo maestro e dopo un lungo viaggio riesce a scoprire il suo nascondiglio. La lotta tra i due è incredibile, ma Akuma non è affatto interessato ad uccidere il ragazzo e così esce sconfitto, riuscendo però a fuggire. Prima della sua fuga Akuma farnetica qualcosa di risvegliare lo Satsui No Hadou e di sfidarlo dopo averlo fatto, per vedere chi dei due fosse realmente il più forte. Ryu è ancora più confuso perché non sa cosa voglia dire.

Il primo Street Fighter. Ryu VS Ken
Il primo Street Fighter. Ryu VS Ken

Ansatsuken – La scuola di Ryu

Nel paragrafo precedente ho cercato di unire varie informazioni ufficiali, per cercare di tenere insieme i pezzi di una storia che non sempre vengono raccontati linearmente, vista la tipologia del gioco. Ma prima di proseguire per Street Fighter II è bene dare un piccolo sguardo all’Ansatsuken, la scuola di Ryu. Sembrerebbe nata in Giappone nel periodo feudale da Goetetsu, maestro dei due fratelli Akuma e Gouken. Ma mentre il primo si dedicò alla ricerca di tecniche proibite, il secondo cercò un Ansatsuken pulito, in grado di raggiungere la perfezione attraverso velocità, grazia e potenza. Akuma si dedicò al Satsui No Hadou, sacrificando la sua umanità, Gouken insegnava nel suo Dojo a preservare e potenziare l’umanità. Due poli opposti, ugualmente potenti. È per questo che Akuma, notando in Ryu un potenziale Hadou nascosto, si interessa sempre di più a lui, e uccide suo fratello per ottenerlo lui stesso. Ryu da che parte starà? Non è una scelta scontata, perché se a parole sembra il buono della situazione, nei fatti ha già fatto qualcosa di terribile contro Sagat nel primo torneo Street Fighter. Si, avete capito bene: Ryu non si è trasformato in un animale, ma la sua voglia di vincere, di primeggiare, di essere il più forte, ha prevalso su tutto il resto, e lo ha trasformato per qualche istante esattamente in un essere come Akuma.

Street Fighter II
Street Fighter II

Street Fighter II: The World Warrior – Ryu e la vendetta

La Shadaloo è un’organizzazione militare fuorilegge, e decide di indire un torneo di arti marziali a livello mondiale. Scopo del torneo è individuare il lottatore più forte per poterlo rapire ed impossessarsi del suo corpo. Mr.Bison, capo dell’organizzazione, riuscì a impadronirsi di Ryu, ma i suoi amici, come Ken, Chun-Li, Guile, lotteranno per salvarlo e ci riusciranno. Il regalo di Ken è forse tra i più conosciuti: la fascia rossa che indossa sulla testa, in segno di amicizia. Nel videogioco il torneo vede partecipare diversi sfidanti, ognuno con una propria storia, e molti dei quali interessati ad eliminare Bison. Ryu riesce ad arrivare in finale e a sconfiggerlo quasi definitivamente. Dico quasi perché mentre sta per rialzarsi arriva un “New Challenger!”. Akuma spunta dal nulla ed elimina brutalmente Mr.Bison, così da poter sfidare ancora Ryu. Akuma vince senza troppe difficoltà, padrone ormai dall’Hadou oscuro, ma riconosce un miglioramento incredibile in Ryu, e lo sprona ancora a schierarsi dalla sua parte. La vendetta definitiva è rinviata di nuovo.

Scontro tra titani. Akuma VS Ryu
Scontro tra titani. Akuma VS Ryu

Street Fighter IV – Street Fighter III

No, non mi sono mica rimbambito. Seguendo la storia principale il terzo capitolo viene dopo il quarto. L’organizzazione S.I.N, capeggiata dall’androide Seth, ha in mente di completare il progetto BLECE, in grado di creare il combattente perfetto. E indovinate un po’? Cosa manca secondo voi alla ricetta? Ma certo! Proprio Ryu. Seth organizza così un torneo di arti marziali, lo Street Fighter appunto. Ma cosa si nasconde dietro S.I.N? Nient’altro che, di nuovo, la Shadaloo. Infatti gli scienziati di Shadaloo riescono a salvare e a rimettere in sento Mr.Bison, la mente dietro S.I.N. Lo scontro è ancora tra i due, ed è nelle sorti del giocatore mettere la parole fine a questa storia. Ma riuscirete sul serio a mettervi fine?. Per quanto riguarda invece Street Fighter III è l’unico capitolo dove Shadaloo e compagnia hanno poco a che vedere e per questo ne parleremo brevemente. Qui il boss è un certo Gill, capo della setta degli illuminati che governa la politica mondiale da anni in segreto. È una sorta di messia, è greco e non a caso ricorda le divinità greche come Zeus. Il suo compito è quello di selezionare i migliori lottatori per creare una terra promessa e formare una razza umana geneticamente modificata. È chiaro che Ryu parteciperà al torneo ma ne uscirà sconfitto. Evito di infoltire la trama di questi due capitoli perché sono moltissime le voci non ufficiali, i manga, i film, e non vorrei annacquare troppo la storia principale, cosa che in parte ho già fatto perché è quasi impossibile parlare in un articolo esaurientemente di tutta la sua storia.

Street Fighter V – Ryu che fine farà?

Ebbene si, siamo al quinto capitolo e quindi al seguito della trama. Cosa ci aspetterà? Finalmente Ryu sconfiggerà Bison, ma soprattutto Akuma? Non possiamo saperlo. So che adesso volete linciarmi di brutto, ma lo stesso produttore Yoshinoro Ono ha ammesso che la complessità della trama di Street Fighter non è cosa da poco e questa estate verrà rilasciato un aggiornamento in cui verrà inserita una modalità storia per andare avanti e farci sapere qualcosa di più su Ryu ed i suoi amici. Posso solo dirvi che negli screenshot è presente ancora il nostro simpaticissimo Mr.Bison

Conclusioni

Ho evitato di parlare del Gameplay, di introdurre il mio classico paragrafo curiosità, perché vi basterà cercare un po’ su internet per rendervi conto che ci sono tantissime versioni che si contraddicono a vicenda, tantissimi manga, film, dichiarazioni di sviluppatori, per un gioco che si protrae ai giorni nostri sin dal 1987. Insomma di materiale non c’è n’è tanto, ma troppo. Il mio intento era quello di mostrarvi come dietro ad un picchiaduro ci sia in realtà una gran bella storia, e che quel Ryu non è il più famoso semplicemente perché è il primo personaggio di Street Fighter, nonché l’unico selezionabile nel primo capitolo. Si, perché il primissimo capitolo evidentemente era impostato proprio per narrarci della storia di Ryu e solo in seguito saranno introdotti nuovi personaggi selezionabili come Chun-Li, Honda, e lo stesso Ken, selezionabile nel primo capitolo soltanto per il secondo giocatore. Ryu è stato scelto appositamente per dare anche uno spessore ad un gioco che altrimenti non avrebbe dato nulla di più rispetto agli altri. Non dimentichiamo poi che in quegli anni ci furono moltissimi picchiaduro gloriosi e per questo non posso non citare King Of Fighter. Spero di essere riuscito a darvi qualcosa in più che non sia presente già nell’ottimo materiale che potete reperire su internet. Se notate incongruenze o avete delle domande, non esitate affatto a lasciare un commento qui sotto o a inviarmi una e-mail.

Nerd And Noob

Ormai è tappa fissa! I miei amici Nerd And Noob rispondono al mio articolo aggiungendo qualcosa che ho dimenticato. E in più dicono la loro sul nuovo Street Fighter V che secondo loro sarà una cag*** pazzescaaaa.

Malato per i videogiochi e per qualsiasi cosa funzioni con un po’ di elettricità. La scrittura è mia grande amica e la sto trasformando pian piano in una professione. Ho un blog, videogiochia30anni.it e collaboro nella sezione tecnologia con 2duerighe.com ormai da diversi anni.